SANPIETROBURO - LENINGRADO

Una città fantastica, ricca di storia dalla Russia Zarista, con tutte le dinastie sino all’ultima dei Romanof e culla della Rivoluzione Sovietica dell’Ottobre 1917

Adagiata sul delta del fiume Neva nel Golfo Finnico sul Mar Baltico, divenuta una metropoli Europea, a suo tempo, 1713, voluta da Pietro il Grande.

Progettata dai migliori architetti ben 4 di loro italiani Giacomo Quarenghi, Carlo Rossi, Francesco Rastelli, Domenico Trezzini, per i suoi canali artificiali definita la Venezia del Nord.

Da noi, antichi frequentatori, meglio conosciuta come Leningrado e successivamente dal dissolvimento del campo socialista e delle Repubbliche Sovietiche, ribattezzata nel 1996 San Pietroburgo.

Famosa anche per le sue “notti bianche”culla di molti artisti, musicisti, scrittori il più famoso Alexander Puskin, visiteremo la sua casa natale, città elegante ed aristocratica, interessante da scoprire ad ogni angolo…

Ritroveremo i nostri amici, rinnovando i contatti e le nostre relazioni...

MOSCA la Capitale di tutte le Russie

La vicinanza al fiume Moscova, darà il nome a quella che diventerà la Capitale di tutte le Russie.

Venne assediata ripetute volte, conquistata dai Tartari, fù grazie allo Zar Ivan III che Mosca divenne “la capitale di tutte le Russie”

Il figlio Ivan il “terribile”, contribuì al rapido decadimento ed alla conquista dei polacchi.

Nel 1700 Pietro il Grande, fondò San Pietroburgo quale nuova Capitale della Russia.

Mosca, tuttavia, si confermò il centro religioso e culturale di rilevante spicco fondando diverse università.

Nei primi anni dell’Ottocento non fu risparmiata da Napoleone che, invasa la Russia, distrusse e bruciò Mosca.

Dopo la Rivoluzione dell’Ottobre 1917, Mosca venne nuovamente eletta Capitale, subì gravi danni durante il secondo conflitto mondiale, modernizzata riprese prontamente il suo ruolo strategico-politico, nella realtà russa ed internazionale che mantiene tuttora nell’attualità post-sovietica.

A noi Mosca è sempre apparsa come una grande città cosmopolita con molte attrazioni, ci si sente bene, come a casa propria, inspiegabilmente noi italiani siamo molto ben visti e si incontrano molte persone che parlano italiano e ti aiutano a districarti in particolare sulla loro megalattica Metropolitana, nel decifrare i caratteri cirillici delle sue stazioni.

Una metropoli che, come molte altre ci si ritorna volentieri, scoprendo sempre cose nuove….

C R I M E A - Y A L T A

Una città di mare caratteristica e fantasiosa, una località di villeggiatura tra le migliori ed eleganti del Mar Nero.

Il prestigio di Yalta, crebbe notevolmente verso la fine del XVIII secolo quando l’intera Crimea passò dall’impero Ottomanno a quello Russo.

Lo Zar Alessandro II la consacrò stabilendo una delle sue residenze estive.

L’avvenimento storico più importante avvenne dal 4 al 11 Febbraio 1945 la settimana della “Conferenza di Yalta” il celebre incontro tra Stalin, Roosvelt e Churchill dove vennero fondate le basi della politica europea del secondo dopoguerra.

Il 21 Agosto 1964 vi morì Palmiro Togliatti, segretario del Partito Comunista Italiano.

Dopo il colpo di stato del 2014 di Piazza Majdan a Kiev, un referendum ha decretato la nascita della Repubblica Autonoma di Crimea di fatto Russia

Le attrattive sono molteplici dal Castello Nido di Rondine, alla Cattedrale Alexander Nevsky, alla casa museo di Anton Chekov, alle zone più animate del lungomare con attrattive graziose ed interessanti… una città accogliente ed ospitale.

S E B A S TO P O L I

Le condizioni geografiche, la sua immensa baia, con un lungo fiordo con le insenature ai lati, la qualificano come la città strategica per eccellenza, in particolare dal punto di vista militare, unico sbocco navale sul Mar Nero, ed al Mediterraneo, già dall’epoca zarista.

Subì diversi assedi, nel 1854 dalle truppe anglo-francesi.

Durante la seconda guerra mondiale nel 1941 dai tedeschi e nel 1942 dai russi che la riconquistarono.

Nel 1954 Nikita Krushov, in occasione dei 300 anni dal trattato che sancì l’unione dell’Ucraina alla Russia, decise di donare l’intera Crimea all’allora Repubblica Sovietica Socialista Ucraina.

Dal dissolvimento dell’Unione Sovietica nel 1991/2 vi fù una doppia convivenza, tra Ucraina e Russia sino al colpo di stato del 2014 a Kiev, con il successivo referendum, con il 96% dei votanti, sancì definitivamente la propria appartenenza alla Federazione Russa.

Chiusa al turismo estero durante l’epoca sovietica, affascinante per le sue bellezze naturali, la campagna che attraverseremo è ricca di vegetazione, disseminata da frutteti e vigneti, è un importante centro commerciale e di scambio di tutto il Mar Nero.